Mondo visione sociale&economico familiare

L’AMBIENTE FAMIGLIARE: ormai si sa con i tempi che corrono, i genitori a volte perdono l’orizzonte dei loro figli per mille ragioni, sta alla nostra associazione evidenziare i problemi, che posso essere:

Maltrattamento nei confronti dei bambini, i genitori non sopportano più ciò che può soffocare il loro futuro in tutto e per tutto (economico, fisico e mentale)

Il nascere del dramma sia dovuto dal divorzio, naturalmente, per via di mancanza di compatibilità tra loro, oppure nel loro egoismo puro senza badare e capire il messaggio come l’amore, pace, passione, fantasia, compassione, pazienza, affetto reale, leale, forse perché erano troppo giovani incoscienti del significato di diventare genitori, che abbiano senso di responsabilità, che abbiano il desiderio, e infine complicità per concepire un figlio.

Il reddito famigliare: insufficiente che possa dare una giusta garanzia ai figli, perché la vita in famiglia ha un costo elevato e purtroppo succede che i genitori siano pure disoccupati. Alla fine quasi scontato che il tempo perso dai genitori, venga consumato tra ricerca del lavoro e che i baci, gli abbracci e le coccole sono gioie fondamentali per i figli.

Forse, per mancanza dei genitori stessi, siano morti o siano assenti per un lungo periodo in modo tale che vengano inseriti nelle case famiglia o vengano dati a nuovi genitori e chissà in quale contesto il bambino vive e per questo si deve mettere in discussione il sostegno economico/sociale alla famiglia. Nella nostra coscienza pensiamo alla famiglia come il nucleo principale del nostro paese. Lo stato deve garantire e proteggere il nucleo principale del nostro paese. Lo stato deve garantire e proteggere il nucleo famigliare, cominciando subito dal piccolo, perché questi bambini, saranno il futuro. Le associazioni hanno la competenza di accudire la casa dei piccoli, si sa che in questo settore con i piccoli devi essere paziente, avere il tempo necessario per poter svolgere la propria attività con consapevolezza, essere ben informati con la conoscenza a cui vai incontro, rendere edotti, ogni quartiere, in ogni piazza, nelle vie, angolo per angolo della città. Insomma tutti devono essere a conoscenza. L’intera comunità deve ascoltare le situazioni deve rendere atto di ciò che viene esposto, e, di conseguenza deve intervenire preventivamente, in modo economico, sociale, fisico, perché lo stato percepisca i contributi dei lavoratori onesti, quale opera amministrativa deve essere più importante che salvaguardare lo stato di questi piccoli? Nessuna, perciò, in prima linea in teoria re in pratica, ma purtroppo spesso succede che le istituzioni non facciano il loro dovuto, per questa ragione le associazioni cercheranno di recuperare ogni mancanza. E’ un dato di fatto. Le religioni posso contribuire tramite i loro fedeli. L’esempio tangibile è Madre Teresa di Calcutta, innegabile ciò che si può e si deve fare. Dovremmo propri al servizio dello stato e delle associazioni, se esiste un valore comune come i figli, sicuramente deve essere il loro dramma per tutti.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.